SOLUZIONI PER LO SVILUPPO D'IMPRESA
EXPRESSIVE
DIGITAL WORLD

Internet sta diventando la piazza del villaggio globale del domani. (Bill Gates)

creazione e sviluppo della  tua azienda nel  mondo digitale

SVILUPPO
VENDITE

"Nella professione del venditore il lavoro vero inizia dopo che la vendita è stata conculsa." (Jim Rohn)

Il tuo agente di vendite online
WEB &
MARKETING

Le imprese non fanno acquisti, stabiliscono relazioni. (C.S.Goodman)

marketing online E offline

WEB
DESIGN

"L'unico scopo del design è permettere ai visitatori di arrivare al contenuto." 

(J. Nielsen)

la tua impresa online pensata, progettata, comunicata insieme a te

SOLUZIONI
AZIENDA

“Ogni problema ha tre soluzioni: la mia soluzione, la tua soluzione e la soluzione giusta.” (Platone)

software e sistemi per migliorare i processi aiznedali

Payoff, questo sconosciuto

Il Payoff è rappresentato da un testo di massimo 4 / 5 parole che identificano le caratteristiche del Brand,

Spesso noi italiani ci confondiamo …. e sopratutto in ambito pubblicitario il payoff si confonde sempre più spesso con lo slogan

Il payoff non è uno slogan! né la frase conclusiva di un annuncio pubblicitario!

In italia e sopratutto nel settore Web esiste la cattiva consuetudine di gestire l’elaborazione del payoff con molta superficialità e poca attenzione.

In realtà il messaggio payoff è il primo messaggio di impatto della brand identity di un azienda, si pensi ad esempio ad alcuni payoff importanti

  • Apple, Think different
  • Adidas, Impossible is nothing
  • Nikon D, Nikon is different
  • Mcdonald’s i’m lovin’ it
  • Nokia, connecting people

ma voglio anche ricordare alcuni esempi di payoff creati italia da bravi comunicatori italiani, ad esempio:

  • Galbani, Vuol dire fiducia
  • Tim, senza confini

Come molti sanno il payoff di mcdonald’s potrebbe essere confuso con uno slogan, ma in realtà l’azienda inizialmente aveva individuato il messaggio “I love it” poi solo successivamente
i pubblicitari hanno creato una frase non corretta, con suono assonante a coloro che parlano inglese al fine di attirare maggiormente l’attenzione dei consumatori.


In italia il payoff puo’ essere considerato come uno sconosciuto della azioni di brand identity, infatti solo poche imprese adottato tale tecnica per dare un valore aggiunto al proprio brand. Dopo una ricerca di qualche settimana effettuata su google mi sono accorto che solo il 10% delle aziende italiane adotta un payoff.

Riepilogando il payoff è quindi un piccolo testo che accompagna e si accosta fisicamente al marchio, ed in teoria potrebbe anche essere registrato come marchio al fine di tutelarne il messaggio e la vicinanza al marchio principale.

Il payoff deve essere considerato come elemento stabile e permanente del brand, in quanto il payoff accompagna nel tempo lo sviluppo o il restyling del marchio principale e solo se non funzionante può essere rivisto, ma assolutamente non deve essere considerato un elemento variabile o a scadenza nella pianificazione del proprio brand identity.

La creazione del payoff è una delle attività più impegnative e più lunghe in quanto bisogna creare un testo (o frase di pochi caratteri) che racchiuda l’identità, i valori, le caratteristiche del brand e la mission dell’azienda.

Sicuramente per creare un payoff ottimizzato bisognerebbe iniziare a prendere in considerazione le caratteristiche del marchio (e non dell’azienda) e cioè cosa il brand deve subito comunicare, di solito l’errore più grande e quello di far riferimento alle caratteristiche prodotto o servizio o addirittura del prezzo del prodotto o del servizio.

Nei nostri circa 15 anni di attività abbiamo creato diversi payoff importanti ne elenchiamo almeno 1 di livello internazionale
– MYS, Sneakers Unlimited in particolare l’azienda si occupa di produrre scarpe personalizzate